Lavorare in Borsa con tranquillità da qualsiasi parte del mondo
 
Trading Italia
14 | 12 | 2018
23 febbraio Quel che accade sui mercati mondiale Stampa
Scritto da Marco Martinelli   
Sabato 31 Gennaio 2009 05:22

Generalmente siam abituati a vedere i grandi movimenti ripercuotersi su tutti i mercati: in realtà è semplice notare che gli indici italiani, europei e statunitensi solitamente seguono tutti lo stesso trend. Diversamente accade per i derivati delle materie prime come petrolio, oro etc…, e sulle valute che non sempre seguono i futures sugli indici.
Un’affermazione tale sembrerebbe quantomai falsa alla luce di quel che è accaduto nell’ultima settimana che ha visto forti divergenze tra gli stessi indici americani, basti guardare i ribassi ed i rialzi che si sono alternati reciprocamente tra Dow Jones e Nasdaq. In un tale scenario il più distinto degli investitori perde l’orientamento, proprio come se ad una bussola venisse a mancare il magnetismo terrestre: sarebbe solo un quadrante con una lancetta interna.
Nella nostra sezione “COMMENTI OPERATIVI” analizziamo quotidianamente i futures su Spmib, Dax, Eurostock, Bund, Nasdaq ed inoltre anche quelli su Petrolio e Eur/Usd; vi dirò… niente più scontato di questi ribassi. Da un punto di vista tecnico sia Gann che i nostri livelli temporali parlavano di un ribasso che, non nascondo, aspettavamo più moderato. Ma quel che da un vero e proprio senso a tutto ciò è stato l’elemento psicologico. Proprio lo scorso report avevamo preannunciato che i giocolieri avrebber cercato di disorientare tutti in vista del ribasso che già in precedenza abbiam annunciato e, data la veemenza dell’attuale… beh confermiamo che il ribasso che dovrebbe trovar capolinea intorno la metà di aprile, dovrebbe far sorridere i ribassisti che ormai da tempo non mostrano i loro denti.
Entriamo nei grafici e cerchiamo di osservare, nel breve,quel che accadrà tecnicamente sulle piazze.
Spmib future
Il nostro future Spmib… vi consigliamo di attendere se siete rialzisti in quanto darà una parvenza di rialzo nelle prossime ore per poi maturare un forte pull back entro martedì prossimo.
Dax future
Stesso discorso per il future tedesco che ha come scadenza degli attuali ribassi martedì 27 febbraio: il Dax però, a differenza del cugino Spmib, sembra aver manifestato, per quanto riguarda il movimento di cui stiamo parlando, molta meno forza quindi… facciamo attenzione a quel che farà nelle prossime giornate.
Nasdaq future
Osserviamo ora il Nasdaq il quale, dopo il movimento in controtendenza degli scorsi giorni, sembra voler andare a chiudere questo ciclo di “mini-rialzi” proprio all’inizio della prossima settimana.
Petrolio e valute
Infine analizziamo il petrolio e la valuta Eur/Usd:
il primo, ovvero il petrolio, è pronto ad un ripiegamento dopo il veloce raggiungimento della resistenza in area 61,00$; da qui, infine, partirà il movimento che porterà all’ultimo massimo, previsto per gli inizi di marzo, in vista della scadenza tecnica dei contratti di marzo.
La valuta Eur/Usd…beh anche qui siam vicini al “collasso” ma è opportuno monitorare il supporto creatosi in zona 1,31 il quale darà a tutti il segno evidente della sua forza ribassista.
Detto ciò credo d’avervi illustrato quel che accade all’interno di quella che noi chiamiamo “La Grande Opera” e vi rimandiamo al prossimo report.

20-02-2007 9:20 Spmib: l’amo è stato gettato!

 

La nostra convinzione riguardo al fatto che il mercato italiano abbia raggiunto livelli di estremo rilievo, è praticamente evidente, come lapalissiana è l’opinione secondo cui i manovratori daranno filo da torcere ai propri burattini, dove i manovratori sono una ristrettissima schiera di investitori (al massimo dieci) e i burattini…. tutti gli altri.
Infatti osservando i grafici è già abbastanza chiaro che i mercati abbian bisogno di prender fiato dopo un rialzo iniziato il 18 luglio scorso per quanto riguarda il medio termine, ma ancor più lungo se si guarda il lungo termine… pensate, dal marzo 2003!
E allora? Dobbiamo aspettarci un bel tonfo?
In realtà credo proprio di si ma… attenzione sempre ai giochi di disorientamento che questi burattinai effettueranno (forse sarebbe meglio paragonarli ad illusionisti). Generalmente un rialzo, prima di concludersi, dà segni manifesti di debolezza i quali inducono i pesciolini ad abboccare all’amo, nell’intento di una speranza ribassista; successivamente un forte pullback rialzista sbaraglia anche i più tenaci che si vedon sgonfiare ogni possibilità di realizzazione, ed infine ecco giungere la così tanto agognata conclusione che premierà solo chi ha saputo utilizzare tutti gli strumenti a propria disposizione… primo tra tutti… una perseverante pazienza.

 
Area Riservata